Accedi al sito
Serve aiuto?

RIQUALIFICAZIONE DI PIAZZA CITTADELLA
 Verona

"Concorso internazionale di progettazione per la riqualificazione della Piazza Cittadella in Verona e per la realizzazione di un nuovo parcheggio interrato

La volontà espressa nel bando di ripensare Piazza Cittadella come nuovo terminale urbano per il traffico veicolare, consentendo nel contempo di ospitarvi mercati e manifestazioni culturali e sportive, ha spinto a condensare in un unico edificio molte delle ragioni e dei modi d’uso rappresentanti nel progetto: un’ampia copertura funge da filtro tra Via Paglieri e la nuova piazza, guida e protegge i percorsi di attraversamento pedonale, accoglie diverse attività aggregative come un mercato rionale ambulante e mostre.
I flussi viabilistici di tipo turistico e la presenza nell’area di numerosi edifici destinati ad attività terziarie e per l’istruzione hanno suggerito inoltre di utilizzare nel progetto un sistema di parcheggio automatizzato che consente i seguenti vantaggi rispetto a un sistema tradizionale:
- maggiore compattezza: utilizzando piattaforme mobili con motori magnetici su una struttura in carpenteria metallica composta da montanti, traversi e longitudinali, unitamente a sistemi elettronici di controllo e gestione, l’auto viene lasciata dal conducente al livello di ingresso e condotta automaticamente al primo posto libero, non necessitando quindi di altre corsie se non quella centrale della navetta elevatrice-traslatrice;
- minore inquinamento: conducendo le auto al loro posto a motore spento, il sistema determina la totale assenza di emissioni di ossido di carbonio all’interno e la drastica riduzione all’esterno, con tempi di ritiro che si possono prevedere in circa 45 secondi per auto;
- maggiore rotazione dei posti: a fronte di dati statistici che indicano come con un sistema tradizionale sia possibile occupare a rotazione ogni posto auto almeno 3 volte al giorno in orario diurno in bacini di utenza ad alta densità di traffico, con un sistema automatizzato come quello proposto è possibile incrementare del 35% circa tale rotazione;
- minori oneri di gestione e manutenzione: l’auto viene consegnata e ritirata dal conducente tramite l’uso di cards magnetiche (in prevendita) o il pagamento di un biglietto nel box vicino al parcheggio, mentre il controllo del sistema può essere effettuato da un solo addetto, anche a distanza.
La maggiore compattezza del parcheggio consente di ricavare i 480 posti auto richiesti su 3 livelli con altezze di piano ridotte e un’ampia piazza che scende, con una pendenza del 2% circa, fino a una quota leggermente inferiore a quella di Via Montanari e separata da questa tramite un filare di Acer rubrum, all’ombra dei quali possono svolgersi su un ampio prato attività sportive e ricreative all’aperto e una nuova pensilina per le autolinee pubbliche.
Il grande piano inclinato della piazza, oltre ad ospitare manifestazioni culturali all’aperto (proiezioni e spettacoli) separate dalle strade, consente di ridurre visivamente il dislivello tra la piazza e l’avvallamento presente sul fronte degli edifici più antichi confinanti con il vecchio corso del fiume Adigetto, integrando questo spazio nella piazza stessa. I quattro volumi che racchiudono gli otto vani di consegna e ritiro degli autoveicoli, a cui si accede tramite una strada a doppio senso di marcia, sostengono un’ampia copertura in carpenteria metallica rivestita interamente in rame che copre tre grandi aree per il mercato rionale ambulante e per mostre, oltre ad un lungo portico che si affaccia sulla piazza, con numerosi punti di seduta.

 

 

 

 

"Concorso internazionale di progettazione per la riqualificazione della Piazza Cittadella in Verona e per la realizzazione di un nuovo parcheggio interrato"

La volontà espressa nel bando di ripensare Piazza Cittadella come nuovo terminale urbano per il traffico veicolare, consentendo nel contempo di ospitarvi mercati e manifestazioni culturali e sportive, ha spinto a condensare in un unico edificio molte delle ragioni e dei modi d’uso rappresentanti nel progetto: un’ampia copertura funge da filtro tra Via Paglieri e la nuova piazza, guida e protegge i percorsi di attraversamento pedonale, accoglie diverse attività aggregative come un mercato rionale ambulante e mostre.

I flussi viabilistici di tipo turistico e la presenza nell’area di numerosi edifici destinati ad attività terziarie e per l’istruzione hanno suggerito inoltre di utilizzare nel progetto un sistema di parcheggio automatizzato che consente i seguenti vantaggi rispetto a un sistema tradizionale:

- maggiore compattezza: utilizzando piattaforme mobili con motori magnetici su una struttura in carpenteria metallica composta da montanti, traversi e longitudinali, unitamente a sistemi elettronici di controllo e gestione, l’auto viene lasciata dal conducente al livello di ingresso e condotta automaticamente al primo posto libero, non necessitando quindi di altre corsie se non quella centrale della navetta elevatrice-traslatrice;

- minore inquinamento: conducendo le auto al loro posto a motore spento, il sistema determina la totale assenza di emissioni di ossido di carbonio all’interno e la drastica riduzione all’esterno, con tempi di ritiro che si possono prevedere in circa 45 secondi per auto;

- maggiore rotazione dei posti: a fronte di dati statistici che indicano come con un sistema tradizionale sia possibile occupare a rotazione ogni posto auto almeno 3 volte al giorno in orario diurno in bacini di utenza ad alta densità di traffico, con un sistema automatizzato come quello proposto è possibile incrementare del 35% circa tale rotazione;

- minori oneri di gestione e manutenzione: l’auto viene consegnata e ritirata dal conducente tramite l’uso di cards magnetiche (in prevendita) o il pagamento di un biglietto nel box vicino al parcheggio, mentre il controllo del sistema può essere effettuato da un solo addetto, anche a distanza.

La maggiore compattezza del parcheggio consente di ricavare i 480 posti auto richiesti su 3 livelli con altezze di piano ridotte e un’ampia piazza che scende, con una pendenza del 2% circa, fino a una quota leggermente inferiore a quella di Via Montanari e separata da questa tramite un filare di Acer rubrum, all’ombra dei quali possono svolgersi su un ampio prato attività sportive e ricreative all’aperto e una nuova pensilina per le autolinee pubbliche.

Il grande piano inclinato della piazza, oltre ad ospitare manifestazioni culturali all’aperto (proiezioni e spettacoli) separate dalle strade, consente di ridurre visivamente il dislivello tra la piazza e l’avvallamento presente sul fronte degli edifici più antichi confinanti con il vecchio corso del fiume Adigetto, integrando questo spazio nella piazza stessa. I quattro volumi che racchiudono gli otto vani di consegna e ritiro degli autoveicoli, a cui si accede tramite una strada a doppio senso di marcia, sostengono un’ampia copertura in carpenteria metallica rivestita interamente in rame che copre tre grandi aree per il mercato rionale ambulante e per mostre, oltre ad un lungo portico che si affaccia sulla piazza, con numerosi punti di seduta.

 

 

Progetto pubblicato in:

- Lorenza Sitta, Maddalena Basso (a cura di), Nuova Piazza Cittadella. I progetti, Concorso di progettazione per la riqualificazione della Piazza Cittadella in Verona e per la realizzazione di un nuovo parcheggio interrato, Cierre Edizioni, Verona 2001, p.54.

 

 

CLIENT:
Comune di Verona

PROJECT TEAM:
Studio Architettura Massarente (capogruppo)
Donatella Basutto
Alessandro Massarente

Consulente sistemi di parcheggio automatizzati
Massimo Di Marco
Consulente aree verdi
Elena Macellari
Consulente strutture
Lucio Tomasi


PHASES:
1999

SIZE:
 

BUDGET:
 

CONTRACTORS:


PHOTOS:


PUBLICATIONS:

- Lorenza Sitta, Maddalena Basso (a cura di), Nuova Piazza Cittadella. I progetti, Concorso di progettazione per la riqualificazione della Piazza Cittadella in Verona e per la realizzazione di un nuovo parcheggio interrato, Cierre Edizioni, Verona 2001, p.54.

AWARDS: 


SITE:
Verona

 

Massarente Architettura s.r.l.
Corso del Popolo 268
45100 - Rovigo
Rovigo - Italia
C.F. / P.Iva: 01237760291
Tel: 0425 29244
Fax: 0425 29245
samsas@tin.it