Accedi al sito
Serve aiuto?

  PALAZZO BOLDRIN CONTI MALMIGNATI 

  Lendinara (RO)

Restauro, ristrutturazione e adeguamento funzionale degli spazi interni di Palazzo Boldrin Conti malmignati a Lendinara (RO)

Palazzo Malmignati Conti Boldrin fu costruito nella prima metà del Cinquecento dal nobile cavaliere della Serenissima Vincenzo Malmignati.
Nel 1941 viene Lasciato in eredità all’Ente Morale, Istituzione Dott. Brunetto Boldrin, che in accordo con l’Amministrazione comunale di Lendinara, ha programmato il Restauro del complesso di palazzo Boldrin Conti Malignati al fine di realizzare una Cittadella della cultura in grado di costituire non solo a livello comunale, ma anche nell’ambito del territorio provinciale e regionale, un polo di significativa rilevanza finalizzato alla conservazione e valorizzazione di beni culturali.
Ciò anche grazie allo svolgimento di attività museali ed espositive, di tipo permanente e temporaneo, di attività bibliotecarie, aperte al pubblico e agli studiosi, di attività divulgative e di approfondimento, legate allo svolgimento di conferenze, convegni e seminari di studio.
Questo nuovo museo si colloca in un sistema museale urbano ancora in formazione, di cui costituisce un saldo riferimento culturale e istituzionale, vista la discreta vicinanza con altre strutture e manufatti potenzialmente interessati a un uso di tipo museale ed espositivo.
Esso costituisce infine parte integrante di una Cittadella della cultura, di livello provinciale e regionale, vista la presenza nel palazzo Boldrin Conti Malignati, a partire dal 1972, della Biblioteca comunale G. Baccari, la cui già viva e intensa attività culturale svolta a livello locale promette di fungere da adeguato supporto alle attività rese possibili dal restauro e dalla valorizzazione del complesso architettonico costituito dal palazzo e dal giardino storico.

Restoration, restructuring and functional adaptation of the interior spaces of Boldrin Conti Malmagnati Palace in Lendinara (RO)

Conti Boldrin Malmignati palace was built in the first half of the sixteenth century by the aristocrat knight of the Serenissima, Vincenzo Malmignati.
In 1914 it was left in estate to Ente Morale, Istituzione Dott. Brunetto Boldrin, who agreed with the municipal administration, to plan the restoration of Boldrin Conti Malmignati’s palace complex with the aim to realize a Citadel of culture able to constitute a point of relevance where to conserve and valorise the local cultural heritage.
Everything of that will be possible also thanks to the development of permanent and temporary cultural, museal and exhibition activities, from library ones opened to scholars and public, to seminars and conferences.
This museum is placed in an urban museum system still on development, whose constitutes a steady cultural and institutional reference, because of the proximity to others building and complexes potentially interested in the museum and in its exhibition programs.
At the end, it constitutes an integrant part of a Citadel of culture in the province but also in the region because of the presence in this palace of a library, which works in the town and it seems it can be the appropriate support to the activities. These activities are possible thanks to the programmed valorisation of the architectural complex by the restoration of the palace and its historical garden.
 are possible thanks to the programmed valorisation of the architectural complex by the restoration of the palace and its
are possible thanks to the programmed valorisation of the architectural complex by the restoration of the palace and its

CLIENT:
Comune di Lendinara (RO)
Ente Morale Istituzione Dott. B. Boldrin

PROJECT TEAM:
Progetto Architettonico
Donatella Basutto (capogruppo)
Progetto Strutture
GTE scarl
Progetto Impianti
Remo Marcomini
Parere VVF

Elena Lucchin

PHASES:
2005-2009
2005-2006 Progetto Preliminare
2008-2009 Progetto Definitivo

SIZE:
SLP 1.934 m²
Giardino 750


BUDGET:
1.698.652,05 €

SITE:
Lendinara (PD)

Massarente Architettura s.r.l.
Corso del Popolo 268
45100 - Rovigo
Rovigo - Italia
C.F. / P.Iva: 01237760291
Tel: 0425 29244
Fax: 0425 29245
samsas@tin.it